JAMAL TASLAQ: DALLA PALESTINA NELLA CAPITALE FONDENDO TRADIZIONE E AMORE PER IL MADE IN ITALY

JAMAL TASLAQ: DALLA PALESTINA NELLA CAPITALE FONDENDO TRADIZIONE E AMORE PER IL MADE IN ITALY

Con le sue creazioni, meticolose, lussureggianti e rispettose di un concetto elevato di Bellezza, Jamal Taslaq ha vestito donne Abito Jamal Taslaq foto G.Piccirilli, www.ilcorrieredelledonne.netfamose come Sharon Stone, Ornella Muti, Marta Marzotto e l’aristocrazia del mondo arabo, compresa la regina Ranya di Giordania.
Jamal Taslaq nato in Palestina nel 1970, è un fashion designer di adozione romana, che trasferendosi in Italia nel 1990 sceglie la Capitale come nuova culla per la sua sofisticata ed elegante alta moda. Debuttando proprio sulle passerelle di Alta Moda Roma, la sua moda veste le donne di tre continenti: dai membri della famiglia reale araba alle star americane, fino alle eleganti e di classe donne europee.
La sua moda fonde insieme le atmosfere, i colori e le emozioni della sua terra natia, con il gusto moderno, dinamico e raffinato del Made in Italy, ispirandosi, spesso e volentieri, anche al Rinascimento Italiano.

Martedì 9 Luglio alle 21.00 Jamal Taslaq inaugurerà la sua boutique in via Ludovisi 44, a due passi dalla splendida Via Veneto. Al quarto piano si trova, ormai da più di 13 anni, il suo atelier dove continuerà a creare abiti di alta sartoria. Proprio da qui, prima del taglio del nastro, un defilé di modelle darà un anticipo di quella che sarà la collezione A/I 2013-14, dedicata ad una donna che ama il bianco candido, come la neve che incornicia i paesi nordici e il ghiaccio, con le sue forme cristallizzate.

Abito Jamal Taslaq foto G.Piccirilli, www.ilcorrieredelledonne.netUno sguardo attento alle sfumature del bianco, bianco seta ed avorio quindi, ottenute da tessuti di cady di seta e ottoman. Intarsi e trasparenze di unica sensualità e femminilità che ricordano il candido e cangiante ghiaccio.

Acconciature di Sergio Valente con il Team Premio Sergio Valente per L’Oréal Professionnel Sonorizzazione a cura di Fabio Ottaviani per LA MUSICHERIA

Ufficio Stampa - EQUA T 06.3236254 info@equa.it Rif. Monia Innocenti, Vittoria Arbib Piattelli

I commenti sono chiusi